Nia Long: “È Il Momento”

FacebookTwitterLinkedinPinterest

nia3

l’Attrice Nitara Carlynn Lungo, meglio conosciuto come “Nia Long” ha allietato molti schermi il film in alcuni dei Neri americani più iconici del film: l’Amore Jones, Soul Food, venerdì, L’Uomo Migliore, la lista va avanti e avanti. È difficile credere che siano passati più di 25 anni dal suo ruolo nel film classico, Boyz N The Hood. Ora, la stella è una madre di due figli e ha imparato ad apprezzare il suo viaggio verso dove si trova ora.

“Eravamo tutti giovani e cercavamo solo di fare un grande film, ma eravamo piuttosto ingenui”, confessa Long. “Le persone con più esperienza erano Angela Bassett e Laurence Fishburne. Ho davvero fatto affidamento su Laurence. Ho guardato lui e il modo in cui ha lavorato, soprattutto il modo in cui ha sostenuto il nostro giovane, primo regista, John Singleton. Laurence ha davvero aiutato a portare avanti il progetto. Per me come una giovane ragazza, è stato bello da guardare perché non ha mai fatto sentire John come se non sapesse quello che stava facendo. Laurence avrebbe solo gentilmente dare suggerimenti.”

“C’è anche un momento chiave nel film in cui corro dall’altra parte della strada per dire al personaggio di Laurence che Ricky è stato girato. La prima volta che l’ho fatto, ero davvero preoccupato che avrei esagerato. Non volevo sembrare troppo drammatico. Quindi credo di aver sottovalutato. Laurence ha detto, ” No, questo deve essere esplosivo e grande e isterica. Fallo.”E me l’ha appena sussurrato all’orecchio. Non mi ha fatto sentire come se fossi terribile, e mi ha fatto sentire che ero capace. E penso che per un giovane attore, per un giovane artista, questo sia davvero importante.”

(credito fotografico: nia long twitter)
(credito fotografico: nia long twitter)

“Ho preso quella lezione con me. Cerco di fare la stessa cosa quando sono con giovani attori nuovi e incerti. Cerco di fare la stessa cosa per loro che ho visto Laurence e Angela fare per tutti noi su Boyz n the Hood. Più di ogni altra cosa, ho tolto quello spirito di collaborazione e di apertura. È importante non essere sposati con una sola scelta. Devi essere aperto, per essere nel momento.”

Su come rendere la salute del seno una priorità

“Più di 200.000 donne negli Stati Uniti. sono stati diagnosticati con cancro al seno nel 2011. Inoltre, le donne nere diagnosticate –

– con cancro al seno hanno maggiori probabilità di morire per la malattia rispetto alle donne bianche.”

” Sfortunatamente, le sfide per la salute che affrontiamo non si fermano qui: le donne nere hanno tassi più alti di molte malattie prevenibili, tra cui diabete, malattie cardiache e HIV/AIDS.”

“Sono molto preoccupato per quello che vedo accadere nella nostra comunità — donne e ragazze che non hanno accesso ai servizi sanitari di qualità a prezzi accessibili di cui hanno bisogno. Di conseguenza, la mia comunità – la nostra comunità – sta letteralmente morendo.”

Rendere le donne una priorità
” Ciò per cui le nostre madri e nonne hanno combattuto così duramente potrebbe essere portato via troppo facilmente, e so quanto sia stato difficile fare questi guadagni per le donne. Ad esempio, mia madre era un’insegnante di scuola pubblica. Ha fatto tanti sacrifici per me per avere la vita che ho oggi. Ma quando andò in pensione, il costo delle opzioni sanitarie presentate a lei era astronomicamente alto, e abbiamo dovuto studiare altre opzioni per garantire che fosse coperta.”

Sull’essere una donna nera a Hollywood
” È dura, perché è Hollywood. E ‘dura, perche’ siamo donne. È difficile, perché non siamo nei nostri 20 anni”, ha ammesso. “È difficile non importa come la guardi. Non sono una di queste persone che va in giro

and e dice ‘Oh mio Dio, è così difficile essere un’attrice nera’, ma questo business è difficile.”

” È difficile dietro le quinte, davanti alle scene. nero, bianco, qualunque cosa sia, è un’industria che c’è un rapido turnover. C’è sempre qualcuno più giovane, più talentuoso e più bello.”

Per rendere l’assistenza sanitaria una priorità
” Abbiamo bisogno di una riforma sanitaria in modo che le donne non debbano lottare per trovare cure a prezzi accessibili come doveva fare mia madre. Sono scioccato dal fatto che alcuni politici vogliano ripristinare i guadagni concessi alle donne nell’ambito della riforma sanitaria e impedire l’accesso a fornitori di assistenza sanitaria critici come Planned Parenthood.”

” Sia mia madre che mia nonna, che ha 90 anni, credono fermamente che una donna dovrebbe avere accesso al tipo di assistenza che merita e dovrebbe avere il diritto di prendere le proprie decisioni sulla salute. Non potrei essere piu ‘ d’accordo.”

” Mi rifiuto di permettere che quei diritti vengano tolti — non sotto la mia vigilanza.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.