L’Anello di Nardo

× Questa pagina contiene contenuti archiviati e non viene più aggiornata. Al momento della pubblicazione, rappresentava la migliore scienza disponibile.
L'Anello di Nardo

JPEG

Si potrebbe associare il sud Italia con il sole cielo senza nuvole, acque del Mediterraneo, e spiagge di sabbia, e certamente quelle cose sono in mostra in questa immagine. Ma per chiunque sia interessante sapere quanto velocemente un’auto può andare, l’Italia meridionale potrebbe richiamare alla mente l’anello di Nardò. L’Anello di Nardò è una pista circolare che è 12.5 chilometri (7,8 miglia) di circonferenza, e ripidamente inclinato per ridurre al minimo la quantità di sterzo che un guidatore deve fare. Per un’auto che si muove a 200 miglia all’ora (circa 320 chilometri all’ora), la pista è come una strada rettilinea infinitamente lunga, dice Motor Trend. Case automobilistiche e piloti utilizzano la pista per testare la velocità massima di una vettura.

L’anello di Nardò è anche facile da individuare dallo spazio, rendendolo un soggetto frequente della fotografia degli astronauti. Si presenta bene anche in immagini satellitari come questa. L’Advanced Spaceborne Thermal Emission and Reflection Radiometer (ASTER) in volo sul satellite Terra della NASA ha catturato questa immagine senza nuvole dell’anello di Nardò il 17 agosto 2007. La pista artificiale impone un cerchio bianco sui rettangoli geometrici di verde e abbronzatura realizzati dai campi agricoli. Diverse tracce più piccole si snodano attraverso la sezione più meridionale dell’anello.

La campagna circostante suggerisce uno stile di vita molto più lento di quello rappresentato dall’Anello di Nardò. La terra è in gran parte agricola con aree popolate lungo la costa. Il più grande centro di popolazione mostrato nell’immagine è la piccola città di Villaggio Boncore. Le sue superfici artificiali riflettenti brillano di un bianco brillante nell’angolo in basso a destra dell’immagine. Una spiaggia sabbiosa costeggia il Golfo di Taranto, che è turchese vicino alla riva dove le acque sono poco profonde.

Immagine gentilmente concessa da NASA/GSFC/METI/JARdac/JAROS e dal team scientifico ASTER statunitense/giapponese. Didascalia di Holli Riebeek.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.