Jeff Gordon è diventato ingiustamente uno dei più grandi cattivi della Nascar

Jeff Gordon vive in uno spazio complicato dove è contemporaneamente uno dei più grandi nomi della storia della NASCAR mentre è anche antipatico. Dipinto come un cattivo all’inizio della sua carriera, la reputazione di Gordon ha preso un tuffo basato sul peccato di essere buono.

Con Gordon scomparso dalle corse, tuttavia, ha ricevuto una certa redenzione mentre la gente riconsiderava perché non gli piaceva. La malvagità percepita di Gordon è uno sguardo affascinante sul modo in cui gli appassionati di sport reagiscono a determinati concorrenti.

La carriera di Jeff Gordon

Jeff Gordon in piedi nel garage accanto alla sua auto da corsa
Jeff Gordon nel garage con la sua auto | Jamie Squire/Getty Images

La carriera NASCAR di 25 anni di Gordon è iniziata nel 1992 quando aveva solo 20 anni. Era l’anno successivo, tuttavia, quando cominciò a fare le onde.

Dopo non essere riuscito a fare molto nella sua gara inaugurale, Gordon ha iniziato di nascosto sempre più vicino al primo posto. Nel 1993, ha avuto sette top-cinque finiture e 11 top-dieci finiture. Alla Coca-Cola 600 del 1994, però, tutto cambiò quando Gordon ottenne la sua prima vittoria.

La leggenda di Gordon è nata, con ogni anno che passa, ha collezionato sempre più vittorie. Sette nel 1995, 10 nei due anni successivi e 13 vittorie in carriera nel 1998.

Il mondo delle corse aveva un nuovo volto, il che significa che ex dei come Dale Earnhardt Sr. hanno dovuto guardare Gordon finire dal retro. Meschino come può essere, i fan hanno preso i a questa tendenza.

Gordon non ha mai più avuto un anno come il 1998, ma per la maggior parte dei suoi giorni rimanenti, è rimasto uno dei piloti più vincenti del gioco. Ha costantemente finito tra i primi cinque, ha vinto da una a cinque gare e ha mostrato perché era uno dei migliori. Dopo diversi anni di crollo, tuttavia, Gordon si è ritirato nel 2015 dopo 805 gare, 93 delle quali vinte.

Perché le persone odiano Jeff Gordon?

CORRELATO: Bill Laimbeer è passato da cattivo NBA a allenatore vincitore del campionato

Come per molti dei più grandi, lo status di cattivo di Gordon è in gran parte perché era così bravo. La gente odia vedere che i loro vincitori preferiti non sono più il top dello sport, e Gordon è stata la persona che ha reso questa realtà. Shane Walters ha scritto del suo odio per Gordon nel 2016. Secondo Walters, era l’impavidità di Gordon che lo rendeva grande e odiato.

“Jeff Gordon era il giovane ragazzo californiano che è entrato in questo sport nel 1992”, ha scritto Walters. “Quando si trattava di piste corte era un mix di veloce e aggressivo. Le stesse cose che fanno short track re. La stessa cosa che rende i fan ti odiano.”

Gordon rappresentava qualcosa di diverso. NASCAR, che ha un’importanza specifica per il pubblico del sud, non era pronto per un prodotto cresciuto in California per far deragliare le carriere dei loro preferiti.

Gordon era fastidioso non perché ha fatto qualcosa di sbagliato per Earnhardt, Rusty Wallace e altri grandi. Invece, era fastidioso perché era lo stesso tipo di pilota, solo più giovane e più veloce.

Gordon è stato costantemente accolto con un coro di fischi per tutta la sua carriera. Dal momento che il pensionamento, tuttavia, alcuni stanno guardando la sua carriera attraverso una lente diversa.

Gli ultimi giri di Jeff Gordon

CORRELATO: Qual è il patrimonio netto di Jimmie Johnson e quante gare ha vinto?

Verso la fine della sua carriera, quando Gordon stava correndo i suoi ultimi giri, quelli che prima lo odiavano cominciarono a tifare per lui. In molti modi, questo aveva senso. Gordon non era più il grande che stava detronizzando altri grandi-era il grande che era stato detronizzato.

Parlando dei fischi che ha sentito durante la sua carriera, Gordon lo ha messo in prospettiva prima di una delle sue ultime gare.

“Beh, non sai mai perché le persone tifano o fischiano”, ha detto Gordon secondo SportingNews. “A volte è ovvio, ma per me, sono entrato in questo sport e iniziando il nostro terzo anno ho iniziato a competere per il campionato, e poi i fischi hanno iniziato a venire…”

“Non ci ho mai pensato molto. Era, non lo so, le cose stavano andando bene, e se stanno fischiando, immagino che sia una buona cosa. Basta che facciano rumore.”

Ora in pensione, Gordon potrebbe essere più rispettato di quanto non sia mai stato come pilota attivo.

Alcuni dei più grandi cattivi dello sport hanno alimentato quell’immagine con competenza simile al wrestling. Altri non sanno come gestirlo. Da un lato, dà loro certa infamia che li tiene sotto i riflettori.

Dall’altro, però, può alimentare un odio irrazionale che va oltre lo sport. Gordon ha imparato questo, anche se sembrava mostrare al mondo che non era mai il cattivo della sua storia — solo un uomo che era troppo bravo a correre troppo presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.