Innocenti coniglietti dalle orecchie lunghe: un incubo per Napoleone

Napoleone Bonaparte fu l’imperatore francese dal 1804 al 1814 (e per i Cento giorni nel 1815). Fu forse uno dei leader militari più importanti che guidò diverse campagne di successo fino alla sua sconfitta nella battaglia di Waterloo domenica 18 giugno 1815. Trasudando con fiducia dopo aver tirato fuori molte campagne vittoriose in tutto il sub-continente, ha guidato il suo esercito contro la Prussia. Sembrava che avesse quasi vinto la guerra quando le forze alleate si unirono alla Prussia e lo attaccarono dal fianco destro e dal centro. Fu schiacciato senza pietà e dovette cedere il trono dell’Impero francese dopo quattro giorni.

Napoleone Bonaparte Nel suo studio Alle Tuileries, circa. 1812 di Jacques Louis David | Pic Credits: Private Collection of Bridgeman Images

Dalla letteratura di esso e come la storia l’ha raffigurata, la Battaglia di Waterloo sembra essere la sconfitta più umiliante di Napoleone. Ma a quanto pare, esiste un’altra e molto più ingloriosa e umiliante sconfitta nella sua carriera di comandante dell’esercito. Non era contro un altro esercito di umanisu un campo di battaglia, ma innocenti conigli coniglietti in una festa di celebrazione. SÌ! CONIGLI! IN UNA FESTA DI CELEBRAZIONE!

Un Innocente Coniglio | Immaginare Antenati di questa Creatura ha spinto Indietro il Grande Napoleone

Come ogni evento storico, anche questo ha molte facciate. Ma c’è un racconto comune o piuttosto un aneddoto su cui la maggior parte degli storici concorda. Era probabilmente nel luglio del 1807, Napoleone aveva firmato il Trattato di Tilsit. Il Trattato di Tilsit fu una serie di due accordi firmati da Napoleone all’indomani della sua vittoria a Friedland in Tilsit. Il 7 luglio 1807, la guerra tra l’Impero francese e la Russia imperiale fu ufficialmente conclusa e fu firmato un trattato di alleanza. Così i due imperi gettarono brividi in tutta Europa con questa grande alleanza. Il 9 luglio 1807 fu firmato il secondo trattato tra Francia e Prussia che privò la nazione di quasi metà del suo territorio e rese Napoleone cardinalizio nel continente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.