Diritti Civili Tour: la Protesta – Nazionale Negro Congresso, richiedere il Cambiamento Attraverso l’Azione Diretta

Testo

nel Corso di una campagna di esonerare l’Scottsboro Boys, un gruppo di carcerati nero Alabama giovani in pericolo di essere linciati—il capitolo locale della Nazionale Negro Congresso (NNC) ha tenuto la sua prima riunione di massa in DC al Metropolitan Chiesa Battista (quindi alle 13 e R strade NW) nel 1936. A questo incontro, NNC fondatore John P. Davis ha chiesto al gruppo di affrontare la brutalità della polizia, il cosiddetto “linciaggio urbano”, nella capitale della nazione. Più tardi quell’anno, un operaio del Civilian Conservation Corps del National Arboretum divenne “la quarantesima persona di colore uccisa dalla polizia metropolitana dal 1925”, riferì l’Afro-American, che osservò anche che “ogni ufficiale coinvolto è stato scagionato.”La NNC ha rapidamente intensificato la sua campagna DC, unendosi al giornale, alla NAACP, alla Washington Bar Association e ad altri in una coalizione per chiedere al Congresso di indagare sull’ “uso non necessario e illegale della forza” da parte della polizia distrettuale. La stazione radio WOL trasmesso settimanalmente sul tema.

Definendosi il Comitato congiunto per i diritti civili nel Distretto di Columbia (e più tardi il Comitato dei cittadini contro la brutalità della polizia), la coalizione ha tenuto un processo finto contro “poliziotti assassini” nel maggio 1937 a John Wesley AME Church Church, 14th e Corcoran streets NW. George E. C. Hayes ha agito come un procuratore e Lucy Diggs Slowe, Howard University Decano delle donne, servito come un giudice finto. Il processo ha portato l ” attenzione ad un vasto pubblico trattamento abusivo del distretto dei suoi cittadini neri.

Dopo una serie di episodi violenti in inverno 1937-38—Howard studente è stato picchiato un giovane e un uomo in fuga da un incidente, è stato mortalmente colpito—il NNC-led coalizione ha tenuto riunioni di massa, nell’estate del 1938 al Lincoln Tempio Congregazionale Chiesa e al Vermont Avenue Baptist Church, dove Charles Hamilton Houston chiamato per il diritto di voto come un prerequisito per la fine di polizia terrore nel Quartiere. Quel luglio, per la prima volta, un ufficiale fu incriminato ma alla fine fu assolto per aver sparato a un veterano malato di mente. La NNC ha continuato ad aiutare a organizzare le proteste e chiedere la responsabilità, alla fine guadagnando istituzione di un consiglio di revisione civile.

In contrasto con alleati più conservatori come il NAACP, il NNC promosse un’azione diretta. I suoi picchetti presso un’agenzia federale incaricata di garantire che gli afroamericani fossero assunti per lavori legati alla guerra portarono la Glenn Martin aircraft factory, vicino a Baltimora, ad integrare la sua forza lavoro e, infine, ad impiegare 5.000 lavoratori neri.

La NNC locale lavorò anche per desegregare parchi e impianti sportivi gestiti dal governo federale, incluso il Washington Tourist Camp, che fu aperto ai bianchi solo fino all’aprile 1940. Un rapporto del 1939 che documenta siti ricreativi segregati e proibitivi è stato prodotto da Thelma Dale della NNC, che ha anche co-guidato una campagna per porre fine alle pratiche di assunzione discriminatorie da parte di Capital Transit, che gestiva i tram della DC.

Durante il 1930, il quartier generale della NNC era situato al 717 di Florida Avenue NW.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.