Davis, Nancy 1958 (?)-

PERSONALE:

Nato c. 1958 a Denver, CO, figlia di Marvin (una compagnia petrolifera e l’immagine in movimento, esecutivo) e Barbara (un filantropo) Davis; sposato secondo marito, Ken Rickel (un banchiere d’investimento), 1994; figli: Brandon, Alessandro, Jason, Mariella, e Isabella. Hobby e altri interessi: Sci, tennis, karate.

INDIRIZZI:

Ufficio—Nancy Davis Foundation for MS, 2121 Ave. delle Stelle, Ste. 2800, Los Angeles, CA 90067. E-mail –

CARRIERA:

Nancy Davis Fondazione per la sclerosi multipla, fondatore e presidente, 1993—. Designer di gioielli Pace e amore.

SCRITTI:

Lean on Me: Dieci passi potenti per andare oltre la diagnosi e riprendere la tua vita (saggistica), Fireside/Simon & Schuster (New York, NY), 2006.

LUCI DI POSIZIONE:

La vita di Nancy Davis cambiò quando le fu diagnosticata la sclerosi multipla (SM), una malattia neurologica cronica, degenerativa e incurabile, nel 1991, quando aveva trentatré anni. A Davis, che era abituato ad essere fisicamente attivo, fu detto che non c’era speranza di invertire il progresso della malattia, che può produrre sintomi come perdita di coordinazione muscolare, grave affaticamento e problemi alla vista. Il medico che la diagnosticò disse a Davis di andare a letto e rimanere lì, e che Davis avrebbe dovuto sentirsi fortunata di poter permettersi un aiuto domestico per prendersi cura di se stessa e dei suoi tre figli. Davis ha scelto di mettere in discussione la sua prognosi; ha cercato terapie nuove e alternative, si è dedicata a vivere in modo attento alla salute, ed è rimasta una sportiva attiva. Ha anche concluso un primo matrimonio travagliato, risposato, e aveva altri due figli. Inoltre, ha fondato la Nancy Davis Foundation for Multiple Sclerosis, dedicata alla ricerca sulla causa e la cura della SM attraverso programmi come il Center without Walls, un consorzio di esperti medici. La fondazione raccoglie fondi con la gara annuale per cancellare la SM e altri benefici.

Davis racconta la storia della sua lotta contro la SM e offre consigli a persone con qualsiasi tipo di malattia cronica in Lean on Me: dieci passi potenti per andare oltre la diagnosi e riprendere la tua vita. Lei incoraggia le persone a mettere in discussione i loro medici, cercare una varietà di opinioni mediche, e sviluppare competenze sulla loro malattia, il sistema sanitario, e l’assicurazione. Raccomanda inoltre di portare una persona cara insieme a appuntamenti medici per il supporto e di adottare un approccio proattivo e olistico alla propria salute. Fornisce un “messaggio vivificante” che “non sei la tua malattia”, ha commentato un recensore per Town & Country. WebMD contributor Denise Mann ha definito il libro ” un facile da seguire 10-step tabella di marcia per accettare la malattia, affrontare le paure, e fiorente di fronte alla malattia cronica,” mentre un Publishers Weekly critico ritenuto “un piano ponderato per affrontare una malattia devastante che dovrebbe motivare gli altri.”

” Puoi sempre fare una scelta per renderlo migliore”, ha detto Davis a Mann. “È facile deprimersi, e non sto dicendo che non hai il diritto di sentirti dispiaciuto per te stesso, ma alla fine della giornata questo non ti aiuterà. Se ci sono cose che puoi fare oggi per migliorare la qualità della tua vita, non c’è motivo di non farle.”

FONTI BIOGRAFICHE E CRITICHE:

LIBRI

Davis, Nancy, Lean on Me: Ten Powerful Steps to Moving beyond Your Diagnosis and Taking Back Your Life, Fireside/Simon & Schuster (New York, NY), 2006.

PERIODICI

Daily Variety, 13 aprile 2006, Bill Higgins, “H’wood Orders a Double-Double,” p. 19.

Library Journal, 15 aprile 2006, recensione di Lean on Me, p. 98.

Los Angeles Daily News, 14 aprile 2006, Jenny Peters ,” Puoi appoggiarti a Nancy Davis.”

Los Angeles Times, 18 maggio 1999, Mimi Avins, “È ora di darsi da fare: quando a Nancy Davis è stata diagnosticata la sclerosi multipla, si è messa al lavoro allineando i finanziamenti e coordinando la ricerca—nella speranza di trovare una cura”, p. E1.

Publishers Weekly, 9 gennaio 2006, review of Lean on Me, p. 41.

Città & Paese, giugno 2006, “Reclaim Your Health,” p. 112.

Washington Times, 27 dicembre 2005, Christian Toto, “Rete di sicurezza medica: medici e pazienti possono lavorare come una squadra”, p. B1.

ONLINE

Sito web della Fondazione Nancy Davis,http://www.erasems.org (27 settembre 2006).

Sito Web Voice of America,http://www.voanews.com/ (4 aprile 2006), Faiza Elmastry, “I pazienti intelligenti ottengono il miglior trattamento medico.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.