Come evitare il burnout del ministero: abbi cura di te!

Come pastore, aiutate a prendervi cura della congregazione. Ma chi si prende cura di te? Purtroppo, il compito spesso ricade ancora sui pastori stessi. Quindi, come potete aiutare voi stessi e gli altri capi della vostra congregazione a evitare lo stress e il conseguente esaurimento spesso associati alle posizioni di leadership della chiesa?

Essere consapevoli.

Secondo la Mayo Clinic, il burnout è “uno stato di esaurimento fisico, emotivo o mentale combinato con dubbi sulla tua competenza e sul valore del tuo lavoro.”Questo fenomeno non si limita alle posizioni secolari. In effetti, il New York Times ha riferito che il clero soffre di molti degli stessi disturbi che affliggono i dirigenti d’azienda altamente stressati: obesità, ipertensione, depressione e persino un’aspettativa di vita ridotta. Inoltre, il burnout può portare a fallimenti nelle relazioni matrimoniali e indiscrezioni in questioni di moralità. Il fatto che fa riflettere è che molti, se non la maggior parte, pastori hanno o sperimenteranno il burnout ad un certo punto nel loro ministero. Infatti, mentre la maggior parte trova ancora soddisfazione nel proprio lavoro, i capi di fede lottano contro il burnout al punto che ben il 70-80 per cento ha almeno pensato di lasciare il ministero.

Ma questo non dovrebbe essere sorprendente. Dopo tutto, ti viene richiesto costantemente di mettere i bisogni degli altri prima dei tuoi bisogni. Uno studio sui problemi di salute mentale tra il clero ha riferito: “In media, il clero metodista unito spende 56,2 ore alla settimana nel ministero e 12 sere al mese lontano da casa per i doveri della chiesa.”Hai a che fare con situazioni che ti drenano emotivamente, fisicamente e mentalmente — per non parlare spiritualmente.

E tu, più di chiunque altro, sai che il clero non è sovrumano. Come tale, sei suscettibile alle ripercussioni di tale stress. Quindi, proprio come i caregiver devono prendersi cura di se stessi, anche i caregiver spirituali devono farlo. Ecco alcuni passaggi chiave per prevenire il burnout.

Sii diligente riguardo al riposo.

Il riposo è più di otto ore di sonno a notte. Mentre questo di per sé può essere difficile a volte, è ancora più difficile per molti pastori prendere regolarmente giorni di riposo, osservare un giorno di Sabato settimanale per se stessi o prendere tempo libero per le vacanze e le vacanze. A causa della costante domanda per la vostra attenzione, si può pensare di tempo libero come un lusso che semplicemente non può permettersi.

Tuttavia, i tempi di inattività sono un modo importante per sostenere la propria salute e il proprio benessere. Se dovessi dare consigli a una persona che svolge un lavoro secolare, non suggeriresti mai di lavorare senza limiti. In effetti, molto probabilmente suggeriresti proprio il contrario: impostare i confini. Lo stesso vale per voi e per tutti coloro che sono coinvolti nei ministeri della fede.

Considerare le funzioni rotanti. Proprio come i medici a turno di essere di guardia, forse voi e un altro ministro nella vostra chiesa può alternare i fine settimana per coprire le emergenze. Almeno, trovare qualcuno che può coprire per voi nel vostro giorno libero.

Blocca date e orari importanti. Il tuo coniuge è importante. I tuoi figli sono importanti. Bloccare il tempo sul calendario per le notti di data. Assicurati di programmare il tempo per il recital di pianoforte o il gioco della palla di tuo figlio. Accendere il telefono in silenzio. Registrare un messaggio appropriato per tali occasioni e lasciare un contatto alternativo.

Dare priorità al vostro tempo. Impara a discernere tra situazioni di emergenza che devono essere gestite immediatamente e situazioni che possono essere gestite in seguito. Siate gentili e compassionevoli, ma trovate il modo di aiutare la vostra congregazione a capire che anche voi dovete avere del tempo personale.

Programma vacanze regolari. Non programmare te stesso per eseguire un matrimonio o qualsiasi altro dovere durante quel tempo-non importa quanta pressione si può ricevere di fare per così. Le vacanze non avvengono per caso. Se si vuole evitare il burnout pastore, piano per le vacanze.

Assegnatevi un giorno di sabato. Le domeniche ovviamente non saranno riposanti per te, quindi scegli un altro giorno della settimana in cui non eseguirai attività tipiche legate al lavoro. Informa il personale della chiesa che non devi essere chiamato a meno che non sia un’emergenza. Trascorrere del tempo a riposo, avvolgimento verso il basso e adorare al fine di ringiovanire e prepararsi per la settimana a venire.

Essere pronti a delegare.

Molte volte, i pastori hanno paura che se non fanno qualcosa, non sarà fatto. Potresti sentirti come se dovessi essere ad ogni ospedale, ad ogni visita alle pompe funebri, ad ogni laurea, ad ogni evento. Mentre certamente non si vuole perdere l’opportunità di soddisfare i bisogni di qualcuno che sta male, e vi piace celebrare le occasioni gioiose della vita con la vostra congregazione, non è possibile eseguire questi compiti da soli. Delegare i compiti o creare programmi di tipo buddy per evitare di trascurare le persone bisognose. Trova altri che possono aiutare con la visita, la scrittura di lettere o altri compiti. Ricordate, persone godono caregiving e sarebbe felice di volontariato.

Inoltre, è importante che ti rendi conto che ogni responsabilità non è necessariamente la tua responsabilità. Pianificare di conseguenza. Per esempio, se siete responsabili del programma della scuola domenicale nella vostra chiesa, potreste pensare che sia vostra responsabilità coprire un insegnante assente. Questo può diventare noioso e travolgente, ma non deve essere così. Prima di arrivare a una situazione del genere, pianifica come verrà gestita. Potrebbe essere data agli insegnanti la responsabilità di trovare i propri sostituti? Potresti creare un elenco di persone che si offriranno volontariamente per sostituire gli insegnanti in situazioni di emergenza? Nella maggior parte dei casi, c’è un’alternativa migliore che chiederti di fare tutto. Richiede solo un po “di accortezza e i mezzi per dire” no.”

Sii proattivo.

Devi prenderti cura di te stesso, di ogni aspetto di te stesso. Se non lo fai, nessun altro può o vuole. Non sarà nulla di buono per la vostra famiglia o la vostra congregazione se si attende fino a quando lo stress della vostra posizione comincia ad avere un impatto negativo sulla vostra mente, corpo o anima.

Trova supporto. Trova un partner di responsabilità, qualcuno che preghi per e con te, qualcuno con cui puoi condividere. Pianificare pranzi o riunioni regolari per verificare l’uno con l’altro su come si sta gestendo lo stress e le difficili esigenze del lavoro.

Rimanere in buona salute. Un modo in cui i leader investono in se stessi è prendersi cura dei propri corpi. Leadership blogger, George Ambler scrive, ” Regolare esercizio fisico e mangiare sano è il modo migliore per generare l’energia necessaria per sostenere la leadership. La ricerca ha dimostrato che essere in forma ha benefici significativi, tra cui una maggiore creatività, un pensiero chiaro, una maggiore fiducia e un migliore controllo emotivo, tutti necessari per una leadership efficace.”Quindi, trovare il tempo per i controlli regolari. Seguire un piano alimentare sano. Stabilire un programma di esercizi di routine.

Trova il tempo per essere nutrito spiritualmente. Cerca le opportunità di sederti sotto l’insegnamento di un altro consigliere spirituale. Forse puoi visitare un’altra chiesa metodista unita durante un servizio settimanale o partecipare a un servizio speciale durante un periodo in cui la tua chiesa non ha una riunione. Oppure puoi connetterti online o trovare messaggi audio da ascoltare nel tuo tempo.

Fai conoscere le tue esigenze. Non essere timido nel condividere le tue preoccupazioni e i tuoi bisogni con altri leader e la congregazione. Le persone spesso vogliono aiutare; semplicemente non sanno come.

Approfitta di eventi pastore-apprezzamento. A volte chiese o altre organizzazioni ospitano eventi speciali per i pastori e i loro coniugi. Cercare e approfittare di questi tipi di offerte, e non abbiate paura di chiedere lo sconto famiglia ad altri eventi — anche se non sono pubblicizzati.

“Come leader, l’investimento più importante che puoi fare”, afferma Ambler, “è un investimento in te stesso. Tu sei il bene più prezioso che possiedi.”I ministri hanno bisogno di essere ministrati. Gli insegnanti devono essere insegnati. Diaconi, anziani e altri leader della chiesa devono essere serviti, incoraggiati e amati come ogni altra persona nella chiesa. I capi di fede sono una risorsa preziosa per la chiesa, quindi consideratela una buona gestione. Abbi cura di te.

— Tricia Brown è stato uno scrittore freelance e redattore per più di venti anni, ghost-writing e editing per gli individui così come per la salute, l’istruzione e le organizzazioni religiose. Le piace leggere, scrivere e parlare in pubblico impegni in cui insegna e incoraggia altre donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.